Il blog di Cloud Vet
profile-picture
Creato da: admin
21/02/2017

Le buone pratiche veterinarie

Cosa sono e perché sono utili?

Le buone pratiche veterinarie sono un insieme di comportamenti che il veterinario adotta con i propri clienti. Queste pratiche o, buone pratiche hanno soprattutto una valenza e natura giuridica, ma ovviamente si riflettono anche sugli aspetti clinici e di marketing.

Due sono i pilastri delle buone pratiche veterinarie:

  • offrire servizi veterinari conformi alla legislazione vigente, al codice deontologico, alle aspettative dei clienti ed ai principi etici relativi alle cure animali.
  • dimostrare che si è in grado di offrire servizi in accordo a quanto appena detto: codice deontologico, legislazione vigente, etc.

Da questo si evince che non è solo un lavoro di natura sostanziale, ma anche formale in quanto bisogna informare i propri clienti che i protocolli di lavoro seguono direttive europee e non sono inventati dal veterinario.

Come detto le buone pratiche hanno una matrice europea, nella fattispecie provengono dalla Federation of Veterinarians of Europe (FVE); la suddetta federazione le ha concepite come linee guida per farle applicare a tutti i paesi europei.

La buone pratiche veterinarie sono state scritte come ausilio alla certificazione ISO 9001:2000 e sono appunto basate sullo standard dei servizi certificati da ISO 9000.

Le norme che stanno alla base vengono ridiscusse e aggiornate ogni 5 anni.